La storia dell’Arcobaleno

Tutti noi ci chiediamo come mai ci troviamo bene quando siamo uniti, perché ci sentiamo profondamente appagati quando perseguiamo una direzione comune?

Forse siamo frutto di un disegno  unico?

O siamo noi stessi un unico disegno?

Bene se siamo un unico disegno, credo che l’arcobaleno è uno dei migliori a rappresentarlo, luce di vari colori che si unisce per creare un arco armonioso e sublime… formando l’essenza della LUCE DELL’UNIVERSO.

Questa storia narra come si sono uniti tutti i colori e dove l’umanità inevitabilmente sta andando.

Lo scopo è di arrivarci tutti insieme prima possibile per contemplare la meraviglia della luce dell’UNIVERSO….L’Amore!!

Giampierr

Social Share Toolbar

2 pensieri su “La storia dell’Arcobaleno

  1. Grazie Giampierr per l’impegno che metti nel cercare e realizzare modi per risvegliare i sentimenti degli uomini. Siamo addormentati , con la scusa che non simo più abituati a certe cose, con la scusa che non ce le rendono più disponibili… Bene grazie perché t’impegni a rendere disponibile quello che tutti abbiamo sotto gli occhi, che tutti abbiamo nel cuore, da cui tutti proveniamo : i valori, i sentimenti, l’Amore.
    Si, è vero, IO l’ho provato sulla mia vita, sulla vita dei miei figli e dei miei genitori, da quando ho cominciato a pensare all’Amore come la più potente delle forze e da quando ho davvero, sottolineo davvero cominciato a vivere nell’ AMORE la vita mia dei miei figli e dei miei genitori è cambiata in meglio. Prima eravamo disgregati senza nemmeno sapere perchè, ognuno tirava l’acqua al suo mulino , ognuno cercava arrancando a proprio modo di sopravvivere e così ci acevamo male l’un l’altro e poi stavamo male , in colpa per aver reso infelice l’altro… Poi ecco l’AMORE ed ora siamo una famiglia normale parliamo con costruttivo dialogo, ci aiutiamo ci mettiamo a disposizione dell’altro abbiamo capito i nostri ruoli di madre di figli e di nonni che convivono e condividono e insieme crescono e si vogliono bene e si rispettano siamo un arcobaleno di persone così diversi uno dall’altro così egualmente importanti e meraviglioso quando uniti. Una FAMIGLIA! I problemi sono diventati momenti di crescita e aumento d’Amore come dico io, Giampierr, hai capito che miracolo l’Amore, e si ci penso che bastava così poco, ma possibile che basti solo questo?
    Si , basta eccome anzi avanza pure dire per gli altri.
    ricordo un canone del Taizè spagnolo che ormai non si canta quasi più in chiesa eppure a me piace tanto e recita così:
    Nada te turbe
    Nada te espante
    Quien a Dios tiene
    Nada le falta

    Nada te turbe
    Nada te falta
    Solo Dios basta.

    ecco se associamo la parola Dios con il verbo Amore (e il riferimento è tutt’altro che casuale!!!) possiamo dire allora SOLO AMORE BASTA.

  2. Ciao Giampierre, lo sai cosa ne penso sulla separazione tra nord e sud di noi italiani, a Roma già ne ho parlato….se solo ne fossimo convinti e coscienti, se solo ci amassimo di più e se solo fossimo meno separati, il nostro paese sarebbe una vera forza della natura, un nido di artisti , di persone sorridenti che possono andare al mare , a sciare, a pescare a ballare le tarantelle davanti a meravigliosa frutta, mozzarelle e pizza a volontà, gratuita per tutti.. ..Perchè questo, signore e signori, è il paese del bene e del male del bianco e del nero dell’oblio e della più colorata creativitàààààààà !Che questo desiderio potenzi la voglia di sentirci uniti in più persone possibili e da questo nido di pulcinelle e arlecchini, rinasca la voglia di abbracciarci e baciarci per spegnere finalmente l’ammuffito formalismo dei politici incravattati e sopprattutto STERILI. BUONA FRUTTA ITALIANA A TUTTI VOI, FRESCA E RIGENERANTE ….Sentiamoci orgogliosi di essere italiani da nord a sud propprio perchè così potenzialmente diversi e quindi ricchissimi! un bacio Orni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>